Home / Novità / Lo sai che / L’incubo delle cavallette nella storia di Villanovaforru

L’incubo delle cavallette nella storia di Villanovaforru

Lo sai che…nel 1892 a Villanovaforru era obbligatorio distruggere le cavallette?

“Il malefico insetto”, così definito nel regolamento deliberato dal Consiglio Comunale di Villanovaforru il 1 marzo del 1892, rappresentava un problema di proporzioni devastanti per l’agricoltura.
Ogni famiglia era obbligata a turno a mettere a disposizione per la lotta alle cavallette tutti i componenti maschi con età dai 18 ai 60 anni (art. 7 del reg.). Esisteva un vero e proprio elenco in cui venivano inseriti tutti i nominativi obbligati al servizio (art.8 del reg.).

Nel regolamento all’art. 20 venivano indicate le modalità ed avvertenze per la distruzione delle cavallette, e nello specifico:
– 1- Che quando le uova delle cavallette non sono ancora dischiuse è facile la distruzione con l’aratro, con la zappa, e coll’erpice facendovi dopo pascere i suini
– 2-Che non basta raccogliere le stesse uova ma è necessario o schiacciarle o sotterrarle ad una profondità almeno di 50 cm
– 3-Che allorquando le uova sono schiuse ma gli insetti non sono ancora atti al volo si è il fuoco un mezzo facile alla distruzione se lo comporta la località
– 4-Che secondo la posizione dei luoghi può anche esserci con profitto la rullatura facendo pressione a tarda sera sul terreno invaso con un grosso cilindro di ferro o di legno pesante
– 5-Che allorquando non si può fare uso del fuoco e della rullatura si debbano adoperare le fosse di caduta e le tende
– 6-Che il sistema delle tende può essere usato quando le cavallette hanno già preso il volo
– 7-Che in tutti i casi le cavallette raccolte devono essere schiacciate e sotterrate in fosse profonde almeno di 50 cm.

norme cavallette villanovaforru
1 marzo 1892

Lo sai che a Villanovaforru nel 1910 furono raccolte oltre 114 mila uova di cavallette?

Nel 1910 il problema cavallette era ancora ben presente a Villanovaforru come in altre parti della Sardegna. Nella provincia di Cagliari venne incentivata la raccolta delle uova nel periodo febbraio-marzo-aprile per evitare la catastrofica nascita degli insetti in estate. I cannelli contenenti le uova e situati sottoterra, venivano pagati al kg., inizialmente a 0,80 lire, poi 0,50 ed infine a 0,30. Pensate che ogni kg di cannelli conteneva 42.250 uova di cavallette!
A Villanovaforru furono raccolti 2698,10 kg di cannelli, per un introito totale in lire di 1273,35.

cavallette_1910

invasione cavallette sardegna

Lo sai qual era uno dei metodi più consigliati per la ricerca delle uova nei terreni incolti?

L’utilizzo dei maiali che grazie all’olfatto erano in grado di riconoscere con esattezza la presenza dei cannelli nei terreni!

Nel 1933-34 il problema si ripresentò drasticamente, la lotta ora poteva contare sulle soluzioni chimiche come i pesticidi, la crusca avvelenata, l’arsentito di sodio, forniti nei vari distretti provinciali, nel caso di Villanovaforru a Sanluri.
Nel 1946 tutta la Sardegna compresa Villanovaforru fu invasa dalle cavallette in maniera devastante. Negli anni immediatamente successivi vennero arruolate appositamente delle persone per verificare e segnalare nelle campagne di Villanovaforru la presenza di cavallette.

cavalletta